Humana Vintage. Ho visto cose che voi h-umani…

Non ricordo esattamente quando è stato, so solo che un bel giorno mi son trovata li, la porta era socchiusa e sono entrata. Pensavo di incontrare i visi conosciuti, per niente omologati e sempre sorridenti, invece tutt’a un tratto, ho visto una fanciulla sganciarsi da una gruccia e venire a passo svelto proprio verso di me.

humana vintage anni 50

 

Mi ha detto: -“Finalmente, non ne potevo più di stare chiusa qui!”-. Portava il sottogonna, quello che piace a me, i guanti e la borsetta, non stava zitta un attimo, ma poi di tutta fretta da me si è congedata. Le ho chiesto incuriosita dove andasse, ha messo su gli occhiali e ballando mi ha informato di andare dal suo Elvis, il re del rock’n’roll.

Neanche il tempo di pensare -okay sono completamente pazza- che dal magico ascensore mi è apparsa una dama assai altezzosa. Giocherellava vezzosamente con le perle, con fare snob dall’alto al basso mi ha squadrata e senza una parola se ne è andata, lasciandomi soltanto la scia del suo profumo.

Due battiti di ciglia e come per incanto dal nulla una sposa si è materializzata. Sembrava una sirena, ribelle ed intrigante, tante le cose che avrei voluto dirle, ma Il tempo di voltarmi per cercare il suo bouquet e lei non c’era più. Speriamo sia felice, ovunque adesso sia.

Poi come un terremoto, tra piume e calze a rete, ho avuto un déjà vu. Ballava come allora, il boa era lo stesso, neanche i suoi capelli, diversi per taglio e per colore, mi han fatto dubitare di averla conosciuta, circa un secolo fa.

Di colpo un motivetto familiare mi ha distratta, due bionde con gambe da paura (e qui mi appello alla vostra immaginazione LOL) provavano un balletto piuttosto osè e credetemi signori, le ho viste e sono certa, erano proprio loro, le mitiche, intramontabili e sexy gemelle Sunday (lancio di gamba destra, lancio di gamba sinistra, rotazione delle braccia e testa indietro).

Giunto il momento di tornare nel mio mondo, in testa ancora il sundayumpa, mi sono voltata per un ultimo saluto e ho visto, in fondo alla vetrina, due eleganti manichini risvegliarsi dal torpore e prendere vita per regalarmi un buffo e inusuale spettacolo retrò.

Con gli amici di Humana Vintage ci siamo divertiti a interpretare, con molta ironia, qualche abito della “nuova” collezione. Il risultato è questo afrodisiaco cocktail di epoche e contesti. Cosa ne pensate? Vi piacciono gli outfit che abbiamo scelto? Vi piacerebbe vedere e provare altro? In negozio troverete più di 3000 capi ad aspettarvi.

humana vintage anni 60

HUMANA People to People Italia, organizzazione umanitaria indipendente e laica, nata nel 1998, sostiene e realizza progetti di sviluppo nel Sud del mondo. La principale risorsa di sostegno per i progetti di HUMANA sono gli abiti che vengono donati. Dopo un’accurata selezione, ai capi vintage viene data una seconda vita proponendoli nel punto vendita ” HUMANA Vintage Milano” in via Cappellari n.3  a due passi dal Duomo.

Acquistare presso Humana Vintage significa quindi riscoprire abiti e accessori del passato contribuendo in modo serio e concreto a garantire un futuro migliore alle popolazioni più disagiate, con particolare attenzione al mondo dei bambini.

8 Comments

Lascia un commento